1. Fatima Portogallo

    fatimaTV
  2. Progetti Per Roma

    fatimaTV
  3. fatimaTV

    fatimaTV
  4. Padre Gruner risponde

  5. Social Network

Le testimonianze pubblicate:

Il Vescovo di Fatima
(10 settembre 1984)

Il 10 settembre 1984, il Vescovo di Fatima Alberto Cosme do Amaral parlò del Terzo Segreto durante un dibattito svoltosi presso l’Università Tecnica di Vienna, in Austria. I suoi commenti, che furono pubblicati nell’edizione del febbraio 1985 della rivista Mensagem de Fatima, sono i seguenti:

Il Segreto di Fatima non parla né di bombe atomiche, né di testate nucleari o di missili Pershing o SS-20. Il suo contenuto riguarda la nostra fede. Identificare il Segreto con annunci catastrofici o con un olocausto nucleare equivale a snaturare il significato del messaggio. La perdita della fede di un continente è assai peggiore dell’annientamento di una nazione; ed è un fatto che la fede sia in continua diminuzione in Europa.1

E’ importante notare che, nel tentativo sistematico di nascondere e sopprimere la verità su Fatima, il Vescovo Amaral fu costretto a smentire le sue affermazioni, poco dopo averle pronunciate. Eppure dieci anni dopo, dopo essere andato in pensione, e potendo quindi esprimersi liberamente, il vescovo “con nonchalance” riaffermò la propria testimonianza in un’intervista pubblicata nel 1995, aggiungendo un’altra piccola ma importante informazione: “Prima che a Vienna (nel 1984) affermassi che il Terzo Segreto riguardava solo la nostra Fede e la perdita della Fede, mi ero consultato con Suor Lucia e ne avevo prima ottenuto l’approvazione.”

Note:

1. Frère Michel de la Sainte Trinité, Tutta la Verità su Fatima, Volume III: Il Terzo Segreto, (Immaculate Heart Publications, Buffalo, New York, 1990) pagg. 675-676.

Articoli Collegati:

• Nella serie delle “Le testimonianze pubblicate”:

• Padre Fuentes (1957)
Neues Europa (1963)
• Padre Alonso (1975-1981)
• Papa Giovanni Paolo II a Fulda, Germania (1980)
• Lettera di Suor Lucia (1982)
• Cardinale Ratzinger (novembre 1984)
• Altri Testimoni (1930 - 2003)