1. Fatima Portogallo

    fatimaTV
  2. Progetti Per Roma

    fatimaTV
  3. fatimaTV

    fatimaTV
  4. Padre Gruner risponde

  5. Social Network

Le testimonianze pubblicate:

Altri Testimoni
(1930 - 2003)

Dato che nel Terzo Segreto, come ritengono milioni di Cattolici responsabili, sembra esservi decisamente di più di quanto rivelato il 26 giugno 2000 con la visione del “Vescovo vestito di bianco”, che non contiene alcuna spiegazione della Madonna di Fatima su come interpretarla, che cosa è quindi contenuto nella parte mancante del Segreto? In aggiunta alle testimonianze pubblicate in altre pagine di questo sito internet (incluse quelle di Padre Fuentes, Padre Alonso, Suor Lucia, il Cardinale Ratzinger, etc.), forniamo qui di seguito altre importanti dichiarazioni che ci aiuteranno a chiarire ancora di più la questione. 

Mons. Eugenio Pacelli (il futuro Papa Pio XII)
(negli anni ‘30)

Il Segretario di Stato sotto Pio XI, mons. Eugenio Cardinal Pacelli, prima di essere elevato al Soglio Pontificio nel 1939 come Pio XII, rilasciò la seguente, incredibile profezia riguardo ad un imminente turbamento che sarebbe avvenuto nella Chiesa:

Supponga, mio caro amico, che il comunismo [uno degli “errori della Russia” menzionati nel Messaggio di Fatima] sia soltanto il più visibile degli organi di sovversione contro la Chiesa e contro la tradizione della rivelazione divina…  Sono esterrefatto per le confidenze fatte dalla Vergine alla piccola Lucia di Fatima. Questo insistere da parte della Madonna sui pericoli che minacciano la Chiesa è un avvertimento divino contro il suicidio per l’alterazione della Fede, nella sua liturgia, nella sua teologia e della sua anima. … Sento intorno a me gli innovatori che vogliono smantellare la Sacra Cappella, distruggere la fiamma universale della Chiesa, respingere i Suoi ornamenti, infliggerLe il rimorso per il Suo passato storico.

un giorno verrà che il mondo civilizzato rinnegherà il suo Dio, che la Chiesa dubiterà come Pietro ha dubitato. Essa sarà tentata a credere che l’uomo è diventato Dio, che suo Figlio è soltanto un simbolo, una filosofia come tante altre, e nelle chiese i cristiani invano cercheranno la fiamma rossa che indica che Dio gli aspetta. Come Maria Maddalena dinanzi alla tomba vuota, essi chiederanno “Dove l’hanno posto?”1

Padre Joseph Schweigl (settembre 1952)

Nel 1952, Papa Pio XII affidò a Padre Joseph Schweigl una missione segreta: interrogare Suor Lucia riguardo al Terzo Segreto. Successivamente, quest’ultimo affermò:

“Non posso rivelare niente di ciò che ho appreso a Fatima riguardo al Terzo Segreto, ma posso affermare che esso consta di due parti: una riguarda il Papa; l’altra, logicamente (anche se non posso dirne niente) dovrebbe essere la continuazione delle parole: ‘In Portogallo si conserverà sempre il Dogma della Fede’”2.

Cardinale Oddi (marzo 1990)

Il 17 marzo 1990 il Cardinale Oddi, che fu all’epoca amico personale di Papa Giovanni XXIII e che aveva parlato con lui riguardo al Terzo Segreto, fece la seguente dichiarazione al giornalista italiano Lucio Brunelli, sul quotidiano Il Sabato:

“Il [Terzo Segreto] non ha niente a che vedere con Gorbachev. La Beata Vergine ci stava mettendo in guardia contro l’apostasia nella Chiesa.”3

Cardinale Ciappi

In una conversazione privata col Professor Baumgartner a Salisburgo, il Cardinale Mario Luigi Ciappi, che fu teologo personale dei Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II, rivelò:

“Nel Terzo Segreto si profetizza, tra le altre cose, che la grande apostasia nella Chiesa partirà dalla sua sommità”.4

Padre Malachi Martin (estate 1998)

In un’intervista alla trasmissione radiofonica Art Bell, della durata di quattro ore, Padre Malachi Martin affermò che nel febbraio 1960, mentre svolgeva l’incarico di segretario del Cardinale Bea (uno dei consiglieri più vicini a Papa Giovanni XXIII), gli venne fatto leggere il Terzo Segreto di Fatima. Vincolato da un giuramento per il quale non avrebbe potuto rivelare il Segreto, egli rilasciò le sue impressioni su varie versioni riportate da alcuni spettatori durante quella trasmissione. Egli affermò che le parole della Madonna erano secche e specifiche. In risposta alla citazione compiuta da uno spettatore, secondo la versione del quale il Terzo Segreto parlava di un Papa che sarebbe stato sotto il controllo di satana, egli rispose: “Si, sembra come se avesse letto il testo del Terzo Segreto”. Egli affermò che la pubblicazione del Segreto avrebbe provocato forti reazioni. Affermò che se il Segreto fosse stato reso pubblico, i confessionali e le chiese si sarebbero riempiti di parrocchiani, in ginocchio. Affermò inoltre che nel Segreto veniva nominato qualcosa di assai importante per gli Stati Uniti. Disse infine che l’elemento centrale del Segreto è terrificante, e che esso riguarda l’apostasia.

Padre Jose Valinho (2000 e 2003)

Infine, abbiamo il nipote di Suor Lucia, Padre Jose dos Santos Valinho. Egli scrisse la sua opinione sui contenuti del Terzo Segreto in un libro pubblicato da Renzo e Roberto Allegri, intitolato Reportage su Fatima (Milano 2000], che fu pubblicato – provvidenzialmente – poco prima della pubblicazione dell’opuscolo intitolato Il Messaggio di Fatima, ad opera del Cardinale Ratzinger e dell’allora Arcivescovo Bertone, e contenente la visione che, secondo il Vaticano, dovrebbe essere tutto ciò che c’è da sapere sul Terzo Segreto. Padre Valinho affermò:

“Io ritengo che (la terza) parte del Segreto riguardi la Chiesa al suo interno, forse le difficoltà dottrinali, una crisi d’unione, una ribellione. L’ultima frase che scrisse mia zia, che precede la parte ancora sconosciuta, recita: ‘In Portogallo, si conserverà sempre il dogma della Fede.’… Pertanto, la gente in altre parti della Chiesa potrebbe allontanarsi dal dogma. Ma questa è solo speculazione.”5

Il 14 febbraio 2003 Padre Valinho parlò riguardo al Terzo Segreto anche nella trasmissione ENIGMA. Fu trasmessa in prima serata dalla Rai. Padre Valinho, in quell’occasione, affermò:

Ritengo che vi sia una connessione tra ciò che è stato annunciato nella prima padre del Segreto, che riguarda guerre e sofferenze che avverrebbero ovunque, e la seconda parte che riguarda le persecuzioni ed un certo tipo di crollo della fede. Perché dove fu posta l’ellissi (i tre puntini “…”), essa significa “Ecco la terza parte, che non è rivelata” e poi la conclusione “In Portogallo, si conserverà sempre il dogma della fede ecc”. Questo mi suggerisce che vi sia una relazione tra la fede e la terza parte del Segreto. Pertanto, è qualcosa che si riferisce alla Chiesa. E’ una qualche sorta di crisi universale che affligge la Chiesa intera e tutta l’umanità.6

Note:

1. Papa Pio XII, riportato da Mons. Roche, Pius XII Devant L’Histoire, pp. 52-53.
2. Frère Michel de la Sainte Trinité, Tutta la Verità su Fatima, Vol. III, Immaculate Heart of Mary Press, Buffalo, NY, 1989, pg. 710.
3. Kramer, Rev. Paul, ed., La Battaglia Finale del Diavolo, The Missionary Association, Terryville, Connecticut, 2002, pg. 33.
4. Vedi Padre Gerard Mura, "Il Terzo Segreto di Fatima: e’ stato completamente rivelato?”, sul periodico Catholic, (pubblicato dai Redentoristi Transalpini, Isole Orkney. Scozia, Gran Bretagna) Marzo 2002.
5. Ibid.
6. Riportato su The Fatima Crusader, numero 74, p. 76.

Articoli Collegati:

• Nella serie delle “Le testimonianze pubblicate”:

• Padre Fuentes (1957)
Neues Europa (1963)
• Padre Alonso (1975-1981)
• Papa Giovanni Paolo II a Fulda, Germania (1980)
• Lettera di Suor Lucia (1982)
• Il Vescovo di Fatima (10 settembre 1984)
• Cardinale Ratzinger (novembre 1984)