1. Synod 2015

    image
  2. Universale alla preghiera

  3. Fatima TV Worldwide

    image
  4. Risposta alle tue domande

  5. Supplica al Santo Padre

  6. Social Network

Ammirabile, ma ridicolo

di Christopher A. Ferrara
9 settembre 2015

Mentre pubblichiamo questa notizia, anche Brietbart Notizie ha notato che l'ormai famosa Supplica filiale con la quale si invita Francesco a rimanere nell'alveo degli insegnamenti tradizionali della Chiesa in merito al matrimonio e la procreazione (e di cui ho parlato in precedenza), ha ormai oltrepassato le 500.000 firme. La supplica, nota Brietbart, è stata firmata "da cinque cardinali e numerosi vescovi e arcivescovi di tutto il mondo. Altre figure importanti che hanno firmato la petizione includono l'ex senatore degli Stati Uniti Rick Santorum."

In un certo senso, si tratta di un dimostrazione ammirevole della Chiesa militante e del sensus fidelium al lavoro. In un altro senso, tuttavia, tutto ciò è alquanto ridicolo.

 Ridicolo, perché centinaia di migliaia di laici e numerosi prelati sono ormai ridotti a dover firmare un appello "filiale" a Francesco affinché non permetta che il suo Sinodo, da lui stesso infarcito di sovversivi radicali a lui vicini e selezionati con cura - perseguendo ciò che sono chiaramente gli stessi obiettivi del Papa - possa distruggere l'edificio morale della Cattolica Chiesa per mezzo di compromessi fatali con lo spirito corrotto dei nostri tempi.

Qual è stata la risposta di Francesco? 'Sento il rumore dei grilli'. Evidentemente, a Francesco non potrebbe interessare di meno. Non é niente più che un "pettegolezzo", ha detto a marzo, dopo che quasi 500 sacerdoti inglesi avevano firmato una petizione similare.

Cosa sta succedendo? Ve lo dico subito: stiamo assistendo ad uno spettacolo che la Chiesa non aveva mai visto prima d'ora, nemmeno nei più oscuri giorni di corruzione ecclesiastica. Stiamo assistendo al tentativo deliberato, da parte di alcuni tra i più influenti elementi della gerarchia ecclesiastica, di usare strumentalmente un sinodo ufficiale di vescovi, sotto la guida di un Papa, al fine di minare l'autorità e l'insegnamento infallibile della Chiesa sul matrimonio, la procreazione e la morale sessuale. Ci troviamo ormai di fronte a quello che con tutta probabilità è il peggior esempio di defezione morale da parte della gerarchia nella storia della chiesa, lo stesso di cui parlò Nostro Signore a Santa Caterina da Siena, Dottore della Chiesa, nel Dialogo:

Nessuno Stato si può conservare nella legge civile e nella legge divina in grazia senza la santa giustizia; perché colui che non è corretto e non corregge fa come il membro che è cominciato ad imputridire e se il cattivo medico vi pone l’unguento solo, ma non brucia la piaga, tutto il corpo comincia ad infettarsi, imputridisce e si corrompe. Per timore di perdere lo Stato, le cose temporali o la prelazione, essi non correggono, ma fanno come accecati, e per questo non conoscono in che modo si conservi lo Stato; ché se vedessero come esso si conservi con la santa e vera giustizia, la manterrebbero.
Si sentono presi dai sensi di colpa e perciò perdono l’ardire e la sicurezza e legati dal timore servile, e sospinti dalla falsa carità, fanno vista di non vedere, oppur se vedono non correggono, anzi, si lasciano contaminare e lusingare con parole d’alloro, rincorrono i molti doni, ed essi stessi trovano scuse e giustificazioni per non punire il male. In essi si compie la parola: – Costoro sono ciechi e guide di ciechi; se un cieco guida l’altro, ambedue cadono nella fossa - in questo modo nessuna nazione potrebbe sperare nel suo proprio futuro.

Ricordate quello che Papa Benedetto aveva rivelato riguardo al Terzo Segreto di Fatima, nel 2010, mentre si trovava in volo verso Fatima, ed in risposta ad una domanda che aveva personalmente selezionato in precedenza. Ricordate e pregate:

Quanto alle novità che possiamo oggi scoprire in questo messaggio, vi è anche il fatto che non solo da fuori vengono attacchi al Papa e alla Chiesa, ma le sofferenze della Chiesa vengono proprio dall’interno della Chiesa, dal peccato che esiste nella Chiesa. Anche questo si è sempre saputo, ma oggi lo vediamo in modo realmente terrificante: che la più grande persecuzione della Chiesa non viene dai nemici fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa e che la Chiesa quindi ha profondo bisogno di ri-imparare la penitenza, di accettare la purificazione, di imparare da una parte il perdono, ma anche la necessità della giustizia. Il perdono non sostituisce la giustizia. 

Amen.